Fermenti lattici: Quali sono i migliori e come assumerli

In questo articolo vi diciamo quali sono fermenti lattici migliori, i benefici per il nostro organismo e come assumerli. Di seguito cercheremo di rispondere a tutte le domande più frequenti su questo tema.

fermenti lattici

Che cosa sono i fermenti lattici?

I fermenti lattici sono microrganismi che possono fermentare lo zucchero, di solito il lattosio, per produrre acido lattico. Sono spesso utilizzati nella produzione di cibi fermentati come lo yogurt e alcuni tipi di formaggi.

Quali sono i benefici dei fermenti lattici?

I fermenti lattici possono apportare una serie di benefici alla salute, tra cui:

  • Miglioramento della digestione
  • Riduzione del rischio di diarrea
  • Rinforzo del sistema immunitario
  • Riduzione del rischio di allergie
  • Miglioramento della salute orale

Quali sono i tipi di fermenti lattici?

Esistono centinaia di ceppi probiotici diversi, ognuno con le proprie proprietà e benefici. Alcuni ceppi sono più efficaci per determinate condizioni, come la diarrea, la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) o la stitichezza.

Quali sono i migliori fermenti lattici da assumere?

La scelta dei migliori fermenti lattici dipende dalle proprie esigenze individuali. In generale, è consigliabile scegliere un integratore di probiotici polivalente, cioè che contenga più ceppi probiotici diversi. Questo assicura un apporto più completo di microrganismi benefici.

In commercio ci sono moltissimi fermenti lattici efficaci. Di seguito un elenco dei fermenti lattici preferiti da consumatori:

YOVIS STICK

fermenti lattici migliori

YOVIS STICK è un integratore alimentare con 50 miliardi di fermenti lattici probiotici. Contiene 10 ceppi probiotici diversi, tra cui Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Bifidobacterium bifidum e Bifidobacterium longum. È disponibile in bustine orosolubili, facili da assumere.

Vedi prezzi su Amazon


Probivia 22 ceppi

probiotici probivia

Probivia 22 ceppi è un integratore alimentare con 22 ceppi probiotici diversi. Contiene 10 miliardi di UFC per ogni ceppo probiotico. È disponibile in capsule gastroresistenti, che proteggono i probiotici dall’acidità dello stomaco.
Vedi prezzi su Amazon


Enterolactis Plus

Enterolactis Plus è un integratore alimentare con 10 miliardi di fermenti lattici

Enterolactis Plus è un integratore alimentare con 10 miliardi di fermenti lattici probiotici. Contiene 2 ceppi probiotici, Lactobacillus plantarum e Bifidobacterium lactis. È disponibile in capsule gastroresistenti. Vedi prezzi su Amazon


Lactoflorene Plus

ntegratore alimentare con 10 miliardi di fermenti lattici probiotici

Lactoflorene Plus è un integratore alimentare con 10 miliardi di fermenti lattici probiotici. Contiene 3 ceppi probiotici, Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium lactis e Bifidobacterium bifidum. È disponibile in capsule gastroresistenti. Vedi prezzi su Amazon


Prolife 10 Forte

Contiene 10 ceppi probiotici diversi, tra cui Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Bifidobacterium bifidum e Bifidobacterium longum.Prolife 10 Forte è un integratore alimentare con 10 miliardi di fermenti lattici probiotici. Contiene 10 ceppi probiotici diversi, tra cui Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus, Bifidobacterium bifidum e Bifidobacterium longum. Vedi prezzi su Amazon


Come assumere i fermenti lattici?

I fermenti lattici possono essere assunti attraverso alimenti fermentati, come yogurt, kefir, tempeh, miso e sauerkraut. Possono essere anche assunti sotto forma di integratori alimentari.

Quanti fermenti lattici assumere?

Per essere efficaci, i probiotici devono essere assunti in quantità adeguate. La dose giornaliera raccomandata è di almeno 1 miliardo di UFC (unità formanti colonie) per ogni ceppo probiotico.

Posso assumere fermenti lattici se sono intollerante al lattosio?

Alcuni fermenti lattici possono contenere tracce di lattosio, ma molti prodotti fermentati, come lo yogurt e il kefir, sono generalmente ben tollerati da persone con intolleranza al lattosio, poiché il processo di fermentazione riduce il contenuto di lattosio.

Possono essere assunti dai bambini?

In generale, i fermenti lattici possono essere assunti dai bambini. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare il pediatra prima di somministrarli, soprattutto se il bambino è piccolo o ha delle patologie.

Esistono molti integratori alimentari a base di fermenti lattici specifici per bambini. Questi prodotti sono formulati appositamente per le esigenze dei bambini e sono generalmente sicuri e ben tollerati.

Tra i fermenti lattici ad uso pediatrico segnaliamo:

PROLIFE PEDIATRICO

realizzato secondo le esigenze della flora batterica dei bambini

Aiuta a mantenere o ristabilire l’equilibrio naturale della flora batterica che può risultare alterata e causare episodi di diarrea, coliche, stipsi, gonfiore addominale: durante l’assunzione di antibiotici e farmaci; a seguito di intolleranze alimentari, a causa di stati febbrili o stanchezza da cambio stagione.

Vedi prezzi su Amazon

  • 10 flaconcini da 8 ml e con tappo serbatoio. Prolife Pediatrico è stato appositamente studiato e realizzato secondo le esigenze della flora batterica dei bambini. Senza glutine, senza lattosio o alla scadenza.
  • E’ ricco di Bifidobatteri: 3 miliardi di fermenti lattici vivi per dose. Contiene anche glucoligosaccaride e vitamine del gruppo B e D. Le vitamine del gruppo B contribuiscono al normale funzionamento del sistema immunitario e alla riduzione della stanchezza e della fatica nei periodi di più intensa attività fisica e mentale, cambio di stagione, sbalzi di temperatura. La vitamina D è necessaria per il normale sviluppo osseo dei bambini.
  • Con certificazione di “Vitalità probiotica”. La certificazione, è stata redatta dall’ente indipendente CSQA. 1) Fornisce garanzie al consumatore sul contenuto di probiotici fino alla scadenza del prodotto. 2) In caso di miscele di microrganismi, assicura il rispetto dei quantitativi minimi dichiarati in etichetta.
  • Esclusivo sistema di produzione anti umidità e acqua libera. Mantiene la vitalità dei fermenti lattici fino alla scadenza del prodotto. Riduce al minimo la presenza di acqua libera e umidità. In questo modo si mantiene e si preserva la vitalità dei fermenti lattici. 1) Dry Fil Process: durante la lavorazione il flaconcino viene riempito proteggendo il prodotto dall’umidità 2) Flaconcino 3phase: lo speciale tappo-serbatoio abbassa il livello di umidità e assicura che i fermenti lattici rimangano vivi.

Per quanto tempo assumere i fermenti lattici?

La durata dell’assunzione dei fermenti lattici dipende dalle proprie esigenze individuali. In generale, è consigliabile assumerli per almeno 2 settimane.

Ci sono effetti collaterali dei fermenti lattici?

In generale, i fermenti lattici sono sicuri da assumere. Tuttavia, in alcuni casi possono causare effetti collaterali minori, come gonfiore, flatulenza o diarrea.

Come scegliere i fermenti lattici?

Ecco alcuni fattori da considerare nella scelta dei fermenti lattici:

  • Il tipo di ceppi probiotici contenuti. Esistono centinaia di ceppi probiotici diversi, ognuno con le proprie proprietà e benefici. Alcuni ceppi sono più efficaci per determinate condizioni, come la diarrea, la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) o la stitichezza.
  • La quantità di ceppi probiotici contenuti. Per essere efficaci, i probiotici devono essere assunti in quantità adeguate. La dose giornaliera raccomandata è di almeno 1 miliardo di UFC (unità formanti colonie) per ogni ceppo probiotico.
  • La resistenza dei ceppi probiotici all’acidità dello stomaco. I probiotici devono essere in grado di sopravvivere all’acidità dello stomaco per raggiungere l’intestino, dove possono svolgere le loro funzioni.
  • La forma di assunzione. I probiotici possono essere assunti sotto forma di capsule, compresse, polvere o liquido. La forma di assunzione più conveniente è quella che si adatta alle proprie preferenze.

In generale, è consigliabile scegliere un integratore di probiotici polivalente, cioè che contenga più ceppi probiotici diversi. Questo assicura un apporto più completo di microrganismi benefici.

Ecco alcuni esempi di ceppi probiotici utili per diverse condizioni:

  • Diarrea: Saccharomyces boulardii, Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus rhamnosus
  • Intestino irritabile (IBS): Bifidobacterium bifidum, Bifidobacterium longum, Lactobacillus plantarum
  • Stitichezza: Bifidobacterium lactis, Lactobacillus casei, Lactobacillus rhamnosus

Che differenza c’è tra fermenti lattici e probiotici?

I fermenti lattici e i probiotici sono spesso usati come sinonimi, ma in realtà presentano alcune differenze.

I fermenti lattici sono microrganismi vivi che producono acido lattico dalla fermentazione di carboidrati, come il lattosio. La maggior parte dei fermenti lattici sono batteri, ma possono essere anche lieviti.

I probiotici sono microrganismi vivi che, se assunti in quantità adeguate, possono apportare benefici alla salute dell’organismo. I probiotici possono includere ceppi di batteri lattici, ma non tutti i batteri lattici sono necessariamente probiotici.

Per essere considerati probiotici, i fermenti lattici devono soddisfare alcuni criteri, tra cui:

  • Devono essere vivi al momento dell’assunzione.
  • Devono essere in grado di raggiungere l’intestino in quantità sufficienti.
  • Devono essere in grado di sopravvivere e moltiplicarsi nell’intestino.
  • Devono avere effetti benefici dimostrati sull’organismo.

Alcuni esempi di fermenti lattici che sono anche probiotici includono:

  • Lactobacillus acidophilus
  • Lactobacillus rhamnosus
  • Bifidobacterium bifidum
  • Bifidobacterium longum